3

30112009

terremotoPiuttosto che la verifica dei comignoli, per verificare un terremoto sarebbero più utili misurare il numero di santi tirati giù.

.
Iniziamo questo sguardo alle Scale di misura “poco fisiche”. Oggi iniziamo con quella più cebre la scala Mercalli (Giuseppe Mercalli 21/5/1850 – 19/3/1914) utilizzata per misurare i terremoti.
Questa scala venne introdotta dopo diverse modifiche nel 1902 misura un terremoto rispetto ai danni che provoca.

Ovviamente un abbraccio va ai “paesani” abruzzesi

ps. piuttosto che mettere un’immagine triste come quella di un terremoto, ho prefertio quella della copertina del film con Jackie Chan
Dopo il more ecco una tabella riassuntiva

Scala Mercalli

Grado Scossa Descrizione
I strumentale avvertita solo dagli strumenti
II debole avvertito solo da poche persone sensibili in condizioni particolari
III leggera avvertito da poche persone
IV moderata avvertito da molte persone; tremiti di infissi e cristalli; oscillazione di oggetti sospesi
V piuttosto forte avvertito da molte persone, anche addormentate; caduta di oggetti
VI forte qualche lesione agli edifici
VII molto forte caduta di comignoli; lesione agli edifici
VIII distruttiva rovina parziale di alcuni edifici; vittime isolate
IX rovinosa rovina totale di alcuni edifici; molte vittime umane; crepacci nel suolo
X disastrosa crollo di parecchi edifici; numerevoli vittime umane; crepacci evidenti nel terreno
XI molto disastrosa distruzione di agglomerati urbani; moltissime vittime; crepacci; frane; maremoto
XII catastrofica danneggiamento totale; distruzione di ogni manufatto; pochi superstiti; sconvolgimento del suolo, maremoto
(Visited 21 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


5