3

01122009

cattivo-odoreAttenzione a stare distanti a cose che puzzano 1000 EROM

Spiegazione
Una delle cose più difficili da misurare: l’odore.
Per soglia di odore si intende la quantità  di sostanze odorifere presenti in un campione di aria e percepite come odorigene da parte di almeno il 50% dei soggetti utilizzati per la misura. Per valutare questa soglia è necessario diluire il campione di aria odorosa con aria pulita, secondo rapporti noti ed accurati in un intervallo di diluizione compreso tra 1:1 e 1:10.000 (parte/parti in volume). Il rapporto di diluizione necessario per iniziare a percepire l’odore alla massima diluizione del campione originario (soglia di odore), viene per convenzione definito come indice nominale della concentrazione dell’odore e viene espresso in unità  odorimetriche (U.O.) per metro cubo di aria analizzata (U.O./m³). 1 OUE/m3 è, per definizione, la concentrazione di odore alla soglia di percezione.

Esiste una unità  di misura definita, un odorante di riferimento: il n-butanolo, del quale si conosce la concentrazione corrispondente alla soglia di percezione: 123 mg di n-butanolo evaporati in 1 m3 di aria in condizioni standard (t=20°C; p=101.3 kPa) producono una concentrazione di 0.040 mmol/mol, che viene definita come 1 EROM = European Reference Odour Mass, valore di riferimento adottato come Unità  di Odore Europea = OUE.
Data la soggettività  delle misure e la variabilità  interindividuale delle stesse, la stima delle UO viene formulata utilizzando per le misure un gruppo di almeno 8 soggetti. Di questi soggetti ne viene valutata la capacità  olfattive individuali (integrità  funzionale dell’apparato olfattorio e acuità  olfattiva) mediante l’uso di test di valutazione (“smell-test” e “sniff test”)
Riferimenti
http://www.ecochem-lab.com/ecochem%20olfattometria.htm
http://digilander.libero.it/nerowolfe/testi%20sito/Le%20emissioni%20odorigene.htm

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


5