3

06072010

Se Dio creasse un masso inamovibile, non potendo muoverlo non sarebbe più onnipotente.

.
Seguendo l’indicazione di Cartesio: Dio può creare qualcosa che non può spostare e, nonostante tutto, spostarla. Il discorso è:
essendo onnipotente può creare e fare qualunque cosa, creare qualcosa di inamovibile e poi muoverla significa rinnegare i suoi stessi poteri

Cito da Wikipedia:

# Una semplice confutazione consiste nell’osservare che se l’agire di Dio dovesse obbedire alle leggi della logica, dio non sarebbe “onnipotente”. Dio quindi è al di sopra della logica stessa e non si possono applicare le “misure” della logica umana alla sua natura; questo ragionamento che sposta il concetto di Dio definitamente oltre la logica però, se esteso, lo rende anche un oggetto totalmente insondabile dalla ragione umana e quindi anche da qualunque pretesa di voler parlare di esso in termini oggettivi e quindi validi per tutti gli uomini.
# Dio potrebbe limitarsi a non creare ciò che poi non può spostare, così il paradosso anzichà© essere risolto verrebbe semplicemente aggirato. In effetti il fatto di essere onnipotenti significa poter fare ciò che si vuole e non necessariamente doverlo fare.
# Se si pensa all’onnipotenza come alla possibilità  di fare tutto ciò che è voluto, visto che Dio può non voler compiere certi atti (es: Dio non può mentire, Dio non può compiere azioni contro la sua natura), un Dio che sceglie di non andare contro la logica è comunque onnipotente[1].
# Un’altra possibile confutazione è che il dilemma si fonda su un concetto traviato di onnipotenza: se a Dio manca il potere di autodistruggersi allora non è onnipotente. Però il potere di autodistruggersi non è veramente un potere ma quasi una debolezza quindi si ricade di nuovo nella definizione di Dio per cui dato che Dio non ha debolezze non ha nemmeno il potere di autodistruggersi come nemmeno quello di rinnegare se stesso. Questo non è un di meno quindi ma anzi è prova maggiore di onnipotenza. Se però il paradosso non fosse menomativo ma accrescitivo ricadremmo comunque nello stesso assurdo. Infatti può Dio creare un altro Dio suo pari? Questa domanda andrebbe contro il presupposto che Dio è eterno e che è unico.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


5