3
domande colloquio di lavoro

30082018: Le domande al colloquio di lavoro strane #30agosto #colloquiolavoro #domande

domande colloquio di lavoro
Le domande al colloquio di lavoro strane #30agosto #colloquiolavoro #domande

Spiegazione
Delle volte per riuscire a colpire l’intervistatore bisogna sapere rispondere in maniera interessante alle domande al colloquio di lavoro.
Ecco un pò di domande che pongono i leader delle aziende mondiali durante le domande per un colloquio di lavoro.

Si sa che i leader delle grandi società non hanno l’abitudine di perdere tempo con domande sciocche o irrilevanti, in realtà, spesso hanno una domanda preferita, una sorte di marchio di fabbrica, un quesito che hanno l’abitudine di porre nel colloquio di lavoro e molto spesso proprio da quest’unica risposta si decidono le sorti di un candidato.

Secondo la biografia “Elon Musk: Tesla, SpaceX e la ricerca di un futuro fantastico” il CEO di Tesla e SpaceX durante il colloquio di lavoro Musk ama porre ai candidati questo enigma per testare la loro intelligenza:

Sei in piedi sulla superficie della Terra. Se cammini un miglio a sud, un miglio a ovest e un miglio a nord finisci esattamente dove sei partito. Dove sei?

Uno dei valori fondamentali di Zappos è quello di “creare divertimento e un po’ di stranezza” e per assicurarsi di assumere i candidati migliori, Hsieh nel colloquio fa questa domanda:
Su una scala di uno a dieci, quanto sei strano?

Il numero non ha rilevanza, ma essere vicini all’uno implica che non si sappia perché le cose brutte accadano, mentre se si è vicini al dieci sembra che si manchi di consapevolezza.

Il presidente esecutivo di Oracle Larry Ellison pone nei colloqui di lavoro la domanda: “Sei la persona più intelligente che conosci?

Il presidente esecutivo di Oracle Larry Ellison assume solo impiegati eccezionalmente talentuosi ed estremamente intelligenti e pertanto ha richiesto ai suoi recruiter di porre ai nuovi laureati questa domanda. Se il candidato avesse risposto “sì”, sarebbe stato assunto, ma nel caso in cui avesse risposto “no” allora il selezionatore avrebbe chiesto “E allora di chi si tratta?” per poi cercare di assumere proprio quella persona.

In un colloquio di lavoro per Facebook la domanda più importante al colloquio di lavoro che viene posta di solito è:
In una giornata perfetta al lavoro, cosa ti permette di concentrarti e di svolgere un gran lavoro?

Drew Houston, Ceo di DropBox, ha cinque domande preferite quando affronta un colloquio di lavoro e spiega che lo aiutano a distinguere se un candidato abbia il desiderio di migliorare costantemente. “Sono attratto dalle persone che amano veramente il proprio mestiere e lo trattano come tale, cercando sempre di migliorare”.

Chi è il migliore del mondo in quello che fai?
Quali sono le tue influenze?
Che cosa hai imparato nell’ultimo anno?
Se potessi tornare indietro di 10 anni, quale consiglio daresti a te stesso più giovane?
Quali sono le lezioni più importanti che hai ricevuto nella tua vita?

In un colloquio di lavoro Peter Thiel, co-fondatore di Paypal, cerca sempre di assumere persone che non abbiano paura di esprimersi e a questo proposito chiede sempre ai candidati:
Dimmi qualcosa che sia vero, ma con cui quasi nessuno è d’accordo con te”.

In un’intervista rilasciata a Forbes nel 2012, Thiel ha spiegato che il motivo per cui ama questa domanda: “Si tratta di un test che ha a che fare con l‘originalità del pensiero e, in qualche misura, prova il coraggio di parlare di sé in un contesto complicato, anche emotivamente”.

Preparatevi qualche risposta, ma cercate di non dare solo risposte che cerchino di colpire il selezionatore, potreste sembrare degli sbruffoni.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


5