3

20062016: Che fine ha fatto Caterina di Aeroplano degli 883

160620_imgChe fine ha fatto Caterina di Aeroplano degli 883

Spiegazione
Ricordate Caterina Rappoccio di Aeroplano? Questa è la sua storia.

Nel lontano 1992 Caterina, appena quattordicenne, debutta al Festival di Castrocaro. Le sue doti non sfuggono a Claudio Cecchetto, la cui scuderia conta già purosangue altissimo livello come gli 883, il già famoso Lorenzo Cherubini-Jovanotti, gli emergenti B-Nario e il crescente Fiorello.

Proprio a Cecchetto viene la brillante idea di far cantare a questa dimenticata in erba Aeroplano, scritta da Max Pezzali ma mai pubblicata dagli 883 perché, come il buon Max dichiarava in un’intervista, il testo della canzone aveva “un sapore adolescenziale” poco adatto al loro genere.

Possiamo dire, comunque, che il risultato, adolescenziale o no, non è stato affatto male. La promettente Caterina ha dato alla canzone quella spinta energetica di cui aveva bisogno.

La giovane Caterina, sulla carta, aveva tutti i requisiti per sfondare nel panorama musicale italiano: indubbie doti musicali (anni di studio al conservatorio), un aspetto fresco e sbarazzino (una sana via di mezzo tra Cristina d’Avena e Brenda Walsh di Beverly Hills 90210) e tanta voglia di diventare una star. E che ci sarebbe riuscita ne era convinto anche il suo produttore. Nel 1994, infatti, Cecchetto, in un’intervista alla rivista Rock Star, ha dichiarato che quello sarebbe stato l’anno della esplosione e definitiva consacrazione di questa bella e talentuosa cantante, senza specificare, tuttavia, in quale dimensione o universo parallelo.

Proprio nel 1994, per conquistare il mercato discografico italiano, una Caterina ancora minorenne (e quindi bisognosa della presenza di un adulto) viene affiancata ad un altro rampollo della scuderia Cecchetto: il codino più pazzo delle piazze italiane… Fiorello! Insieme hanno pubblicato un EP contenente la celeberrima cover de Il Cielo di Renato Zero e il nuovo singolo di Caterina Favola Semplice, oltre ad un remix di Bonne Franquette di Herbert Pagani duettata da Big Fiorello e l’artista che un tempo veniva chiamato Fiorellino, oggi noto col nome di Beppe Fiorello.

Voci di corridoio dicono che la carriera della nostra beniamina sia finita perché non è voluta “scendere a compromessi” per diventare famosa. Spero, comunque, vi faccia piacere sapere che Caterina non ha abbandonato del tutto la musica. Ad oggi risulta un’apprezzata componenente della Banda dei Martinitt in cui sfoggia gran maestria nel suonare il fagotto, uno strumento a fiato.

Ma le novità non finiscono qui! Proprio un questi giorni, tramite la sua pagina Facebook finora “silenziosa”, Caterina ha spiegato il perchè della sua sparizione dalle scene pubbliche pubblicizzando anche il suo libro prossimamente in uscita intitolato “La Vera Storia di Yin e Yang”.

(preso da qua)

5